Proclemer-Vivaldi
 
 

Mentre recitavo Minnie la candida  al Teatro dell’Università, la Lux Film mi propose un contratto per tre film.

Giorno di NozzeErano quei film cosiddetti dei “telefoni bianchi”, un po’ stupidini, ma spesso con prestigiose distribuzioni di attori di teatro, come la Borboni, Armando Falconi, Antonio Gandusio ecc.

Quelli della Lux mi ponevano come condizione  che mi cambiassi nome. “Proclemer suona troppo straniero”, decretarono. Che idea bislacca. Tutt’al più suonava tedesco. E i tedeschi non erano nostri alleati? “Se vuoi puoi chiamarti Proclemeri”. Che orrore. Come Wanda Osiris, che ribattezzarono Osiri. “Va bene  -dissi  - mi chiamerò Mozart. Anna Mozart. Anna Maria, dopo tutto, era il nome di sua madre.” “Sei pazza! Peggio! No, no, dev’essere un nome italiano.“ “Bene, e allora: Anna Vivaldi.”

Antonio Vivaldi Ascolta la Primavera di Vivaldi era stato riscoperto di recente, proprio in quegli anni. Io a quel tempo ero assidua ai concerti e lo avevo ascoltato spesso e mi piaceva molto (del resto piaceva anche a Bach e a Mozart). Anna Vivaldi, dunque.

Il birichino di PapÓE se a tarda notte non riuscite a dormire e vi capita di vedere uno di quei vecchissimi film italiani in bianco e nero, potreste incappare in una giovanissima attrice dall’aria spaesata e un po’ melensa che risponde al nome di Anna Vivaldi.

Sono io.

 
 
2006 © Anna Proclemer | Design by Redesignweb